• ricamidivetro

La fotografia e il vetro inciso: nemici o amici?

Alcuni trucchetti per fare delle belle fotografie anche quando il soggetto, vetro o cristallo inciso, è un po' ostico



Non sono una fotografa professionista e non voglio di certo rubare il mestiere a chi lo fa con tanta passione e talento.

Ma il mio lavoro, che io lo voglia o meno, porta ad avere sempre a che fare con la FOTOGRAFIA e, dato che il soggetto non è uno dei più semplici, mi sono scontrata spesso con diversi problemi fotografici, per i quali ho dovuto trovare una soluzione.

Le fotografie ormai sono diventate importantissime nel mondo dei social network; se hai una pagina Instagram o Facebook, come nel mio caso, le foto sono fondamentali e, non solo, devono essere scatti belli e significativi, perché possano essere notati. Questo stretto legame tra fotografia e social network sarà al centro di un altro post e lo analizzerò in base alla mia esperienza.

In questo post, invece, cercherò di aiutarsi a destreggiarsi un po' meglio con la FOTOGRAFIA, attraverso una serie di trucchetti che, a mio avviso, sono molto utili per scattare buone foto.

La fotografia e il vetro inciso sono nemici o amici?

Rispondere a tale domanda non è semplice e si può correre il rischio di dare una risposta non del tutto corretta.

Per questo motivo, vorrei partire dicendo che fotografare un oggetto in vetro o cristallo è già di per sé un lavoro piuttosto complesso, ma se in più c'è anche un'incisione, la questione si complica ulteriormente. Ma nulla è impossibile, una soluzione c'è sempre!! ; - ) Se volete capire qual è il lavoro di un incisore del vetro, cliccate qui.

Quali sono i problemi principali che si affrontano quando si fotografa un oggetto inciso?

Il primo è senza dubbio il LUOGO in cui posizionare il nostro soggetto per fotografarlo.

Non sempre si riesce ad individuare un LUOGO in cui la nostra incisione risalti e, inoltre, bisogna tenere presente che il colore o la trasparenza del vetro o cristallo avrà la sua influenza.

Ho provato a scattare fotografie degli oggetti in vari ambienti di casa mia, sfruttando ad esempio, il contrasto creato da una parete colorata. Il risultato è stato buono e mi ha permesso di osservare come ambientare un oggetto inciso con successo.


Andate a leggere il post in cui parlo proprio di questo argomento! "Il piacere di arredare".

Se le pareti di casa o dei mobili possono essere una buona soluzione per scattare buone fotografie ai nostri oggetti, devo ammettere che il tempo da dedicare a questa parte del nostro lavoro si allunga parecchio. Un consiglio è, quindi, valutare l'acquisto di una scatola fotografica, grazie alla quale i tempi si accorceranno notevolmente. Si tratta di una vera a propria scatola, dotata di un'illuminazione led e di una serie di pannelli di sfondo di vari colori, che si possono cambiare a seconda di ciò che si deve fotografare. Uno strumento davvero ottimo, ve lo consiglio!!

Ma...vi ricordate la domanda iniziale? La fotografia e gli oggetti incisi possono andare d'accordo oppure no?

Tenetela a mente e, alla fine del post, mi darete la vostra opinione. ; - )

Ora affrontiamo il secondo problema: i RIFLESSI. E sì il vetro e il cristallo hanno la cattiva abitudine di riflettere la luce e, questo, crea degli strani aloni bianchi che interferiscono con l'incisione e rovinano la nostra foto.

Come posso risolvere tale problema?

Parto da una piccola premessa che mi è utile per spiegare quale strada ho intrapreso per arrivare ad una soluzione.

Quando fotografo un oggetto inciso, tendo ad utilizzare sempre una Reflex, rifuggendo l'uso del cellulare. Sebbene gli smartphone moderni abbiano fotocamere piuttosto avanzate, preferisco impiegare una macchina fotografica professionale perché mi permette di impostare i parametri che mi interessano e, soprattutto, posso usare il filtro polarizzatore. Devo ammettere che è il mio alleato numero 1 per eliminare i tanto odiati RIFLESSI e "pulire" l'immagine. Un altro elemento ricorrente, quando sono in fase di shooting fotografico, è il cavalletto che mi offre l'opportunità di stabilizzare la macchina, evitando tutti i movimenti anche minimi che si compiono quando si scatta senza di esso e che compromettono l'immagine rendendola mossa.

In tutta sincerità, scattare buone fotografie agli oggetti in vetro o cristallo non è un gioco da ragazzi e mi ha richiesto svariate prove e tentativi prima di riuscire a individuare la strada migliore. Durante i miei "esperimenti" fotografici, ho notato che il numero di incisioni che realizzo su un oggetto può essere in alcuni casi una difficoltà in più, mentre in altri diventa un elemento importante per ottenere foto particolari. Vi state chiedendo cosa intendo? Ve lo spiego subito!

La doppia incisione, eseguita su due facce opposte, ha uno scopo ben preciso proprio in fase di shooting fotografico: inquadro l'oggetto in modo tale da ottenere una sovrapposizione delle due incisioni per effetto della prospettiva, così da realizzare un'immagine completa nello scatto. Nella foto qui sotto vi riporto due esempi di questo gioco prospettico.


L'incisione multipla, invece, realizzata su tutta la superficie del vaso, del barattolo o della ciotola, crea qualche difficoltà in più. La prima volta che ho fotografato un oggetto con un'incisione di questo tipo, mi sono accorta che ottenevo immagini molto confuse e poco chiare, proprio a causa della sovrapposizione delle incisioni. Non essendo assolutamente soddisfatta dello scatto, mi sono impegnata per trovare una soluzione e, dopo numerosi tentativi, ho capito che dovevo riempire il vaso con una qualcosa che mi permettesse di annullare la sovrapposizione delle incisioni e che facesse contrasto con queste ultime. Non doveva essere nulla di grossolano o di definito (pigne, sassi creano ulteriore confusione), ci voleva qualcosa di fine, come della sabbia scura oppure del caffè macinato; ed è così che ho risolto il mio problema: riempendo i vasi con incisioni multiple di caffè macinato, riesco ad eliminare la sovrapposizione, ottengo il contrasto che mi serve e alleggerisco i riflessi. Ecco una foto dimostrativa!


Passiamo ora ad un altro problema che ho riscontrato scattando fotografie ai miei lavori, responsabile della presenza di RIFLESSI nell'immagine. Si tratta della LUCE, solare o artificiale, che serve per illuminare il nostro oggetto inciso ma, riflettendosi sul vetro o cristallo può provocare RIFLESSI e brutti aloni. Come dicevo, la LUCE è fondamentale per ottenere buoni scatti e non se ne può fare a meno, quindi, ho dovuto fare diversi esperimenti per riuscire a sfruttarla nel modo migliore, trasformandola in un alleato piuttosto che in un nemico. Tendo ad utilizzare luci calde e morbide, spesso candele, evitando i toni più freddi e cerco di orientare il cono di luce della lampada, in modo tale da avere un'illuminazione buona, ma senza produrre riflessi. All'esterno, invece, di solito colloco l'oggetto in piena luce e impiego pannelli di sfondo opachi; inoltre, controllo che non si venga a creare una situazione di luce e ombra, in quanto interferisce negativamente con l'incisione e confonde l'immagine.


Come avrete facilmente intuito, leggendo quanto ho scritto finora, fotografare un vaso, una ciotola o dei bicchieri incisi è un vero e proprio "lavoro", richiede tempo e pazienza; bisogna sperimentare continuamente fino a quando non si individua una buona pratica da applicare in futuro. Non ci si deve scoraggiare, se qualcosa non va come si immaginava, ma piuttosto dotarsi di strumenti efficaci per ottenere buoni risultati.

Vi consiglio di controllare sempre gli scatti che avete fatto, per capire se sono buoni oppure se per qualche motivo devono essere rifatti. In questa fase, è molto utile ricorrere alla POST PRODUZIONE, in quanto avete l'opportunità di ritagliare la foto, modificarne la luminosità e il contrasto oppure applicare dei filtri. Per quanto mi riguarda, è un alleato molto prezioso perché riesco a far risaltare meglio la mia incisione, dando un aspetto più professionale al mio lavoro.

In questo modo, avrete una bella foto curata e rifinita, pronta per essere pubblicata su uno dei vostri social network!

Instragram, Facebook, Twitter e chi più ne ha più ne metta, sono diventati ormai parte della vita di ognuno di noi e noi artigiani non facciamo certo eccezione; anzi, proprio i social network sono diventati uno strumento per farci conoscere e ci hanno spinto ad interessarci sempre di più al mondo della fotografia. Ma qual è il legame tra fotografia e social network? Lo scopriremo nel prossimo post!!

Stay tuned!!


p.s.: eccoci alla resa dei conti... Fotografia e incisione su vetro sono amici o nemici? Ditemi la vostra opinione nei commenti! ; - )

12 visualizzazioni

2020 www.ricamidivetro.com  -  Il sito è ottimizzato per la visualizzazione su computer  -  Per info o richieste: ricamidivetro@gmail.com